Viaggio in Tanzania - Progetto Emera Onlus

Progetto Emera
Onlus
Vai ai contenuti
 
Viaggio solidale in Tanzania – East Africa
Ogni viaggio solidale nasce dal desiderio, dalla curiosità e dal rispetto per la diversità e la varietà culturale e ambientale. Quale viaggio migliore al di fuori degli itinerari turistici più battuti, in località lontane dal turismo di massa, guardando semplicemente con occhi diversi territori più consueti? Il confronto con la diversità passa essenzialmente attraverso la dimensione dell’incontro, del dialogo e della relazione con le comunità ospitanti.

Per questo le Sorelle della Congregazione del Cuore Immacolato di Maria (Congregatio Imaculati Cordis Mariae – CICM) di Mgolole a Morogoro in Tanzania, con le quali collaboriamo in progetti di sviluppo da più di 10 anni, sono organizzate per ospitare gruppi medio-piccoli di visitatori con servizi autogestiti diventando mediatori interculturali.

Potranno proporti di farti da guida  in vari percorsi per toccare in primis i progetti finanziati dalla nostra associazione come il Dispensario (centro medico di prima accoglienza) di Kichangani a Morogoro, la Scuola Primaria Santa Teresa a Mgolole e la Scuola Materna Sant’Antonio a Mzumbe.
 Nel villaggio di Mgolole ha sede il convento della Congregazione con annesse tutte le attività di sviluppo socio-culturali quali l’orfanotrofio, la tipografia, la falegnameria, i vari laboratori per la realizzazione di candele, ostie, scarpe e borse, la scuola secondaria e altro ancora.

Ti porteranno a visitare la città di Morogoro, attivo centro urbano sorto in luogo dello storico caravanserraglio dove, durante l’epoca coloniale, facevano tappa le numerose carovane del commercio sulla rotta tra l’interno del continente africano e la costa orientale.
 
E non ti faranno mancare il tour nei vari villaggi delle Uluguru Montains, come Kiroka, Kinole, Matombo, Mgeta, Chenzema e altri ancora.

Altre mete interessanti:

Melela Bustani, ex farm tedesca di alcuni decenni fa con le caratteristiche abitazioni bianche in legno nella
savana africana dove la Congregazione ha la scuola delle novizie e postulanti, oltre alle attività di allevamento
e agricoltura. In questo sito la nostra associazione ha finanziato la costruzione di 2 pozzi per l’acqua potabile.



Il caratteristico mercato Masai (solo di sabato) nelle vicinanze di Mirama, dove le Sorelle hanno costruito e
gestiscono un altro importante Dispensario.



Mikumi National Park, sulla strada tra Morogoro e Mikumi, che per la varietà della flora e fauna viene definito
“il Piccolo Serengeti”.



Udzungwa Mountains National Park, sulla strada tra Mikumi e Ifakara, per una escursione nella foresta
pluviale dove sono state censite oltre 2500 specie vegetali di cui 160 avrebbero proprietà medicinali. Una
emozionante veduta è quella delle Cascate Sanje.



Bagamoyo, sulla costa dell’Oceano Indiano a circa 60 Km a nord di Dar es Saalam, dove si possono godere le
incantevoli spiagge incontaminate. La cittadina è stata uno dei principali porti dell’Africa Orientale per il
commercio degli schiavi e prodotti vari con la vicina Zanzibar durante il periodo coloniale. Camminando per le
vie si possono ancora ammirare le antiche case omanite (arabe) con le caratteristiche porte intarsiate.



Kaole, situata sulla costa a sud di Bagamoyo. Il luogo è noto soprattutto per il suo interesse archeologico dove
si trovano le rovine di un complesso di edifici che testimoniano la presenza di una comunità shirazi (islamica)
sviluppatasi fra il XIII e il XVI secolo.



Zanzibar, nome originale dell’isola Unguja. Raggiungibile da Dar es Saalam con il traghetto in circa un’ora e
mezza dove le Sorelle hanno una piccola comunità e gestiscono un ostello nella città vecchia.



In alternativa è possibile passare una giornata al mare sulla spiaggia della piccola isola di Bongoyo, a mezz’ora
di barca sempre da Dar es Saalam.

In tutte le mete avrai la possibilità di assaporare la cucina locale, inebriarti di profumi e colori dei mercati di
spezie, frutta e verdura e portare con te i deliziosi kanga o kitenge, tessuti dai colori meravigliosi unici nel loro
genere. E che dire del resto dei prodotti locali? I quadri dipinti con la caratteristica tecnica tingatinga, i batik, le
maschere di legno, le statuette intarsiate, i monili in legno e pietre e tante altre meraviglie.

____________________________________________________________________________________________________________________________
Siamo consapevoli dell’importante ruolo culturale, sociale, politico ed economico del
turismo. Scegliere questo modo di viaggiare significa contribuire con un aiuto concreto
allo sviluppo equo dell’economia locale, riconoscendo la centralità della comunità
ospitante e il suo diritto ad essere protagonista di una crescita socialmente responsabile
del proprio territorio. Questo significa massimo rispetto per le persone e per l'ambiente,
ma soprattutto nessuna forma di sfruttamento.
____________________________________________________________________________________________________________________________

Sarà una vera e propria esperienza interculturale e di vita!
Il più grande regalo lo farai a te stesso e a chi porterai con te.

Sicuramente un modo diverso di viaggiare…..
                                        
                                                                                                                       …… e allora… buon viaggio (safari njema)


Notizie utili
Periodo :
da gennaio a marzo e da agosto a ottobre
(le date saranno concordate in base alla disponibilità delle persone che compongono il gruppo).

Durata :
standard 2 settimane; a richiesta anche 3 settimane.

Clima :
da gennaio a marzo caldo di giorno e di notte all’interno; sulla costa caldo umido;
da agosto a ottobre caldo secco di giorno e fresco di notte all’interno; sulla costa caldo umido.

Itinerario :
visita delle località e siti vari secondo un programma che le Sorelle riterranno più opportuno in base al periodo
di permanenza e agli eventi locali.

Abbigliamento :
sportivo e leggero con calzature comode; in agosto-ottobre un indumento più pesante per la sera.

Alloggio :
ostelli e strutture della Congregazione delle Sorelle organizzatrici del viaggio;
guest house a Mikumi, lodges nei Parchi e hotel/resort a Bagamoyo.

Pasti :
presso le strutture delle Sorelle con alimenti locali a base di riso, mais, carne di pollo, suina e bovina, pesce,
verdura e frutta locale di stagione; acqua, bibite e birre sono comprese (non sono compresi vino e
superalcoolici)

Trasporti in Tanzania :
con gli automezzi della Congregazione delle Sorelle (fuoristrada 4x4 oppure pulmino) e a scelta anche con
mezzi pubblici.

Lingua :
kiswahili e inglese sono le lingue ufficiali.
Molte delle Sorelle sanno parlare italiano.

Vaccinazioni e profilassi antimalarica :
per precise informazione si può consultare il sito del Ministero della Salute qualche mese prima della partenza
oppure rivolgersi al Centro Medicina dei Viaggi del Centro Malattie Tropicali, Ospedale di Negrar (tel. 045-6013324).

Documenti :
per l'ingresso è richiesto il passaporto con validità residua minima di 6 mesi al momento dell'entrata nel paese.

Accompagnatori :
le Sorelle della Congregazione che parlano anche la lingua italiana; secondo il periodo scelto è possibile
anche la presenza dei Soci dell’associazione che seguono i progetti in Tanzania.

Contatti telefonici con l’Italia :
copertura per i cellulari, ad esclusione dell’interno nei parchi nazionali.


possibilità di cambio presso qualsiasi sportello bancario degli Euro e/o Dollari americani.

Per tutti i dettagli riguardanti la durata del viaggio, il periodo e le formalità burocratiche è possibile rivolgersi ad
Antonio Panzarini 340 7785110 o scrivere al seguente indirizzo e-mail: [email protected]


Opportunità:

è possibile usufruire delle agevolazioni fiscali sull’importo donato effettuando un bonifico bancario su uno dei
conti corrente riportati in calce con la seguente causale:

Erogazione liberale per aiuti alla C.I.C.M di Morogoro – Tanzania
(con nome, cognome e codice fiscale)

……nessun compenso o costo verrà trattenuto a favore dell’Associazione Progetto Emera Onlus
Torna ai contenuti